statuto archivia roma

Centro Documentazione Internazionale Alma Sabatini

1965-2012

All’interno dell’Archivio del Centro sono incorporati altri complessi documentari fondamentali per la ricostruzione della storia del femminismo: il Fondo personale di Edda Billi, nel quale preziose sono le sue agende dal 1970 a oggi, dove ha appuntato gli avvenimenti quotidiani del movimento femminista. E inoltre: il Fondo A.F.F.I., il Fondo Movimento Femminista Romano di via Pompeo Magno, il Fondo Donne in nero, il Fondo Associazione Centro Donne Antiviolenza di Messina, il fondo ONDA e molti fondi personali

NOTA INTRODUTTIVA

Le carte qui descritte costituiscono l’archivio del Centro di documentazione intitolato alla linguista Alma Sabatini, donna attiva e radicale che ha lasciato un segno nelle lotte per la liberazione delle donne.

Nata a Roma il 6 settembre 1922, frequentò l’Università di Roma durante gli anni della guerra mondiale e si laureò in Lettere moderne nel 1945. Fu professoressa di ruolo di inglese nelle medie inferiori e superiori fino al 1979 quando lasciò la scuola per dedicarsi pienamente alla militanza e all’approfondimento delle tematiche femministe. I suoi contatti internazionali, derivanti anche dal suo campo di studi di anglistica, la misero in contatto con le esponenti più rappresentative del movimento femminista mondiale. Già militante del Partito radicale, nel 1970 partecipò da protagonista alla fase costituente del Movimento di liberazione della donna, che svolse poi il suo primo congresso l’anno successivo, e fu in prima fila per la battaglia per la liberalizzazione dell’aborto. Abbandonò presto il MLD per orientarsi decisamente verso i collettivi femministi, le esperienze di autocoscienza e la disobbedienza civile. Fu tra le principali esponenti del Movimento femminista romano, nato dal collettivo di via Pompeo Magno, contribuendo in particolare con una intensa attività pubblicistica sui periodici del movimento (in particolare «Effe» e «Quotidiano Donna»).

Terminata la fase di maggiore presenza del movimento sulla scena pubblica nazionale, negli anni Ottanta si batté in particolare per l’approvazione della legge contro la violenza sessuale (che fu poi approvata nel 1996). Nel 1985 ricevette un incarico dalla neoistituita Commissione nazionale per la parità e la pari opportunità tra uomo e donna, presieduta da Elena Marinucci. Per conto della Commissione scrisse nel 1987 Il sessismo nella lingua italiana, il suo contributo maggiore dove univa il suo specialismo professionale e l’ambito del suo impegno civile.

All’età di 65 anni, il 12 aprile 1988, nel pieno delle sue attività, morì in un incidente automobilistico insieme al marito Robert Braun. Il Centro di documentazione internazionale Alma Sabatini viene istituto a Roma il 3 aprile 1989, a un anno dalla scomparsa di Alma, e ha sede nel rione di Trastevere, in via della Lungara 19, presso la Casa internazionale delle donne nello storico edificio del Buon Pastore, già reclusorio femminile. L’Associazione, ispirata a una visione femminista, ha come obiettivo la liberazione delle donne e la loro affermazione sociale, culturale, psicologica, giuridica, politica e si propone di dare corso alla ricerca sistematica della documentazione inerente all’uso non sessista della lingua, in Italia e in altri paesi. Per raggiungere lo scopo l’Associazione gestisce e valorizza la raccolta del materiale prodotto dalla stessa Alma e in generale dalla cultura delle donne, organizza convegni, svolge ricerche e studi, attività editoriale, artistica e audiovisiva. Edda Billi è presidente dell’Associazione dalla sua costituzione a tutt’oggi (2016).

1 COSTITUZIONE DELL’ASSOCIAZIONE E SCRITTURE STATUTARIE

fasc. 1, regg. 3 1990 – 2012

Una lacuna importante da segnalare è la mancanza dei verbali dalla costituzione dell’Associazione al 1998.

busta 1

1 Atto costitutivo e statuto

Statuto rogato dal notaio Maria Antonia Russo il 3 aprile 1989. Le socie fondatrici sono Edda Billi (presidente), Giovanna Carnevali, Luciana Gelli (segretaria), Maria Vittoria Graverini, Caterina Macrelli, Marcella Mariani (vicepresidente), Semin Sayit (vicepresidente) Silvana Silla, Simonetta Spinelli. 1989

2-3. Libri socie a) Libro socie con l’elenco delle adesioni del 3 aprile 1989, giorno della nascita del Centro, presenti fogli sciolti con appunti. b) Libro socie che riporta 14 nominativi, cui segue un elenco di 17 nomi di socie (solo nome e cognome) che hanno versato la quota e che risultano in regola al 31 dicembre 1999. 1989; 1999

4 Libro verbali Libro dei verbali delle assemblee dal dicembre 1998 al 10 dicembre 2012. All’interno del registro è presente la denuncia di smarrimento del libro dei verbali dalla costituzione al 1998 al Commissariato di pubblica sicurezza di Borgo Pio del 14 dicembre 1998. Alcuni documenti inserti nel libro: una convocazione di assemblea, estratto di verbale e un elenco in copia delle socie. 1998 – 2012

2 CORRISPONDENZA

fascc. 4 1990 – 2000

L’organizzazione del Centro non prevede rapporti strutturati con una molteplicità di soggetti. La scarsa consistenza della serie e il carattere pratico dei carteggi è segno di uno scambio personale e associativo che è passato per via eminentemente orale.

Busta 2

1 Corrispondenza

Il punto di forza del Centro è seguire il percorso iniziato da Alma Sabatini sul “linguaggio sessuato” e di questo si parla nelle numerose comunicazioni alla stampa (in particolare con «La Repubblica»), alle istituzioni (Ministero per le pari opportunità), agli enti locali (Comune di Roma e di Milano) e alle scuole. Corrispondenza in gran parte con allegati (programmi, inviti e comunicazioni di iniziative) soprattutto per il periodo 1990-1991, subito dopo la costituzione. Corrispondenza (gen. 1997) anche con la Soprintendenza archivistica per il Lazio.

Sciolto: copia del verbale dell’assemblea straordinaria dell’AFFI (Associazione federativa femminista internazionale) per i problemi pratici relativi all’occupazione del Convento del Buon pastore del 1° febbraio 1990, programmi, ritagli di stampa, inviti. 1990 – 1997 in prevalenza 1990-1991

2 Soprintendenza archivistica per il Lazio Corrispondenza, atto originale della dichiarazione di notevole interesse storico del 21 febbraio 1997, firmata dalla soprintendente Lucia Principe. Richiesta di contributi e questione dell’idoneità dei locali. 1997 – 2002

3 Richieste di finanziamenti All’Assessorato alla cultura del Comune di Roma, al Consiglio di presidenza, presieduta da Luisa Laurelli. 1998 – 2000

4 Carte della presidente Edda Billi Registro di protocollo della corrispondenza non compilato. Documenti del 1995 con allegati riguardanti l’AFFI, in quel momento presieduta dalla stessa Billi. Presente un’autopresentazione e il curriculum di Edda Billi interessanti perché rispecchiano le varie fasi del movimento femminista in Italia dalla sua nascita. Una foto a colori della Billi con un’altra persona. Volantino per la candidatura di Edda Billi alle elezioni per il Consiglio regionale del Lazio del 2010 con la lista Emma Bonino. 2001 – 2005 con un doc. del 1995 e un doc. del 2010

3 AMMINISTRAZIONE E CONTABILITÀ

fascc. 3, regg. 2 1999 – 2010

busta 3

1 Mastro saldaconti

Si conserva, fra l’altro, il codice fiscale rilasciato il 9 giugno 1989 e alcuni contratti di utenze. 1989 – 1993

2 Documenti contabili Registro dei compensi a terzi compilato per il 1999 e 2000. Rendicontazioni, prospetti e ricevute. Corrispondenza con l’Agenzia delle entrate per controlli. 1999 – 2005

3 Libro cassa e libro banca Ricevute, documenti bancari e prospetti. 1999 – 2009

4 Rapporti con le banche Estratti conto e corrispondenza. 2002

5 Bilancio 2010 2010

4 RASSEGNA STAMPA

fascc. 37

1971 – 1999 dic. 30

Si tratta di una raccolta di ritagli di stampa per argomento o evento (1-33), per autrice degli articoli (34-35) e miscellanee (36-37). I fascicoli sono elencati per tema, in ordine alfabetico. Queste raccolte hanno diverse provenienze non sempre identificabili, tranne che per i fascicoli creati dalla redazione del periodico «Il Paese delle donne» in quanto il ritaglio di stampa è incollato su un foglio rosa. Le testate giornalistiche più ricorrenti sono in maggioranza italiane: «La Repubblica», «Corriere della sera», «Il Messaggero», «Il Manifesto», «Il Tempo», «La Stampa», «Il Paese delle donne», «L’Unità», «Lotta continua», «Il Secolo XIX», «L’Osservatore romano», 4. Rassegna stampa 9 «Avvenire», «La Nazione», «Il Giornale», «Il Giorno», «Il Mattino», «Il Popolo», «Avanti!», «Quotidiano Donna», «L’Espresso», «Gente mese», «L’Europeo», «Il Borghese», «Liberazione», «Minerva», «Noi donne», «Panorama», «Rinascita»; per la stampa estera si segnalano «Libération», «Le Monde» e «Le Monde diplomatique».

busta 4

1 “8 marzo”

La rassegna stampa è conservata in tre blocchi:

1 mar. 1971 – 14 mar. 1988 7 mar. 1991 – 14 mar. 1996 6 mar. 1997 – 10 mar. 1999 1971 – 1999

busta 5

2 Consultori 1977 gen. 28 – 1988 giu. 29

3 Contraccezione 1987 mag. 3 – 1997 apr. 3

4 Diritti e parità Si segnala la copia di «Reset» sul nuovo femminismo (sett.-ott. 1998). 1973 mag. 8 – 1998 ott.

5 Donna e ISLAM 1987 ott. 10 – 1998 giu. 4

6 Donna e politica: partito e sindacato 1980 gen. 27 – 1998 nov. 20

7 Donna oggetto 1973 set. 30 – 1987 set. 11

busta 6

8 Donne e arte, letteratura, fotografia e cinema s.d. 4. Rassegna stampa 10

9 Donne e bioetica 1995 giu. 5 – 1997 nov. 27

10 Donne e cultura La rassegna stampa è conservata in due blocchi: 15 gen. 1981 – 15 ott. 1988 15 nov. 1994 – 5 giu. 1997 1981 gen. 15 – 1997 giu. 5

busta 7

11 Donne e depressione 1978 ott. 20 – 1998 lug. 26

12 Donne e partiti 1975 mar. 16 – 1980 nov. 29

12 Donne e politica 1986 giu. 26 – 1989 lug. 14

14 Donne e religione 1981 apr. 3 – 1997 mag. 29

15 Donne famose 1984 dic. 11 – [1998] ago. 13

busta 8

16 Donne soldato 1976 set. 15 – 1999 ott. 14

17 Donne, pace, nucleare Copiosa rassegna stampa sugli stupri della guerra in Bosnia. 1977 giu. 29 – 1996 nov. 5

18 Famiglia 1982 mag. – 1997 mag. 21 4. Rassegna stampa 11

busta 9

19 Femminismo La rassegna stampa è conservata in tre blocchi: 2 gen. 1976 – 24 dic. 1978 17 giu. 1997 – 8 ott. 1998 dic. 1989 – 18 sett. 1994 1976 gen. 2 – 1994 set. 18

 busta 10

20 Infibulazione 1992 gen. 29 – 1997 dic. 29

21 Lavoro La rassegna stampa è conservata in due blocchi: dic. 1973 – 7 lug. 1989 8 sett. 1990 – 5 dic. 1998 1973 dic. – 1998 dic. 5

22 Linguaggio 1979 feb. 5 – 1999 nov. 1

busta 11

23 Maternità 1972 gen. 9 – 1999 mar. 18

24 Mezzi di informazione 1973 ott. 26 – 1991 lug. 9

25 Occupazioni 1976 dic. 12 – 1981 mar. 14

26 Pornografia In particolare articoli su Moana Pozzi e Ilona Staller (Cicciolina). 1979 lug. 14 – 1988 gen. 17

27 Procreazione assistita 1977 lug. 5 – 1989 apr. 4 4. Rassegna stampa 12

busta 12

28 Prostituzione La rassegna stampa è conservata in due blocchi: 17 feb. 1976 – 7 mag. 1989 set. 1990 – 25 feb. 1999 1976 feb. 17 – 1999 feb. 25

29 Salute 1987 feb. 4 – 1997 nov.

30 Scuola 1976 mar. 13 – 1988 mar. 13

31 Sessualità 1991 ago. 8 – 1998 mar. 10

32 UDI – Congressi Articoli su alcuni congressi dell’UDI: IX (1972), X (1978), XI (1982) e XII (1988). Nelle discussioni i temi affrontati riguardano la questione femminile/femminista, la politica e il potere e il ruolo delle donne nei partiti. 1973 nov. 9 – 1988 apr. 24

buste 13 – 14

Violenza sessuale La rassegna stampa è conservata in otto blocchi: 4 ott. 1975 – 8 lug. 1986 (b. 13) 16 set. 1984 – 20 set. 1998 – sulla violenza sui minori (b. 13) 1 mag. – 27 nov. 1987 (b. 13) 5 gen. – 9 mag. 1988 (b. 13) 2 giu. – 24 dic. 1988 (b. 14) 1 gen. – 9 feb. 1989 (b. 14) 11 feb. 1989 – 18 ott. 1995 (b. 14) 11 gen. 1996 – 30 dic. 1999. (b. 14) 1975 ott. 4 – 1999 dic. 30

busta 15

Rossana Rossanda Raccolta di articoli pubblicati su «Il Manifesto» su tematiche femminili. 1976 set. 10 – 1999 nov. 12 4. Rassegna stampa 13

Scritti sul femminismo di Julienne Travers Raccolta di articoli pubblicati su alcuni quotidiani italiani («Il Manifesto», «Il Paese delle donne», «Noi donne», «Paese sera», «Quotidiano donna») e due estratti di sue pubblicazioni. Un elenco li riassume per argomento: la politica femminista, sessualità opposta alla violenza, prostituzione, lo stupro e la legge, le donne e la psicanalisi, conferenze mondiali delle donne, storia del femminismo. 1972 – 1979

Ritagli di stampa versati da Edda Billi Documenti pervenuti in una scatola blu “Varie” appartenente alla Billi. Si tratta di copie di giornali e di ritagli da alcuni quotidiani e periodici: «L’Unità», «Quotidiano dei lavoratori», «The New York Times», «Com Nuovi tempi», «Paese sera» e «Il Manifesto» (quasi la metà degli articoli). Incarto con il programma del seminario “Cultura e politica delle donne e la sinistra in Italia tra anni ’70 e anni ’80”, Roma 4-5 maggio 1992, organizzato dalla Fondazione Gramsci con due testi di Vania Chiurlotto e di Tamar Pitch. 1971 – 1993

Numeri sparsi di giornali Anche questa raccolta è probabilmente frutto di una selezione di Edda Billi. «Rifiut are» (sic), post 12 maggio 1977 «Oggi, come», aprile 1971 «Il Manifesto», speciale sul lavoro delle donne, giugno 1980 «Libération», 21 dicembre 1979 «Adista», agenzia di informazione, 12 aprile 1974 «Rinascita», 10 dicembre 1982 «Lotta continua», 10 marzo 1978 «Gente mese», settembre 1988 «L’Europeo», 16 maggio 1975 «Il Manifesto», supplemento Lavoro, 24 febbraio 1981 «Liberazione», supplemento referendum maggio 1978 (due copie) Ritagli di stampa da: «Leggendaria», maggio 1997; «L’Espresso», 3 dicembre 1977, «L’Espresso sera», 20 settembre 1970, «Il Borghese», 13 gennaio 1974. In fotocopia la rubrica Lui (Valentino Parlato) e Lei

LETTERATURA GRIGIA

fascc. 48

1967 – 2001

Si tratta del corpo centrale del fondo. Questa raccolta tematica risponde all’esigenza di avere a disposizione un’ampia documentazione (a stampa, datt. o ms.) sui temi di interesse del mondo femminista. Si presentava organizzata in faldoni numerati contenenti più fascicoli sullo stesso tema: l’unità di conservazione coincideva con l’unità archivistica. Il fascicolo è intitolato secondo l’intestazione dello schedone che ne elenca il contenuto. La serie è suddivisa in: Corpo, Cultura, Lavoro, Politica, Riproduzione, Violenza sessuale, Lilith.

 1 Corpo, 1970 – 2000

 busta 16

1 “Corpo. Parto e adolescenza” Due incarti originali: a) Parto: proposta di legge sui diritti delle partorienti e del bambino e documenti relativi ad altre iniziative del Coordinamento nazionale donne per la legge sul parto (legge 11 nov. 1990, n. 379). b) Adolescenza: materiali relativi al Convegno organizzato dal Comune di Imola: “Dire fare progettare” del 1994. 1990 – 1994

2 “Corpo. Centri salute donna. Consultori” Un incarto originale (11 pezzi) con manifesti, bozza di un comunicato, relazioni, estratti, materiale preparatorio sulla legge sul diritto alla salute, comunicati stampa. 1986 – 1989

buste 17 – 19

3 “Corpo. Lesbismo” Tre incarti originali:

a) Materiali diversi sull’argomento divisi in due parti: (nn. 1-43 e nn. 44-74): testi a stampa e datt., appunti, volantini e manifesti. Si segnala una dispensa datt. “Omosessualità è amore, primo congresso internazionale di controinformazione sulla sessualità”, relativa ad un evento tenutosi nei giorni 13 e 14 ottobre 1973 presso la sala Beloch a Roma.

b) Documenti (nn. 1-16) a cura del Collegamento lesbiche italiane: volantini, testi a stampa. Si segnala un decalogo di tono ironico sul lesbismo contro il nucleare, 1981-1997.

c) Cinema e lesbismo (nn. 1-9): programmi delle rassegne di cinema, 1992-1998. Documentazione sul Word Lesbian Pride 2000, Roma, 6-8 luglio 2000 e un’edizione speciale per l’evento della rivista «Aut», dépliant e programma della manifestazione. 1973 – 2000

busta 20

4 “Corpo. Salute” Due incarti originali, rispettivamente docc. 31 (1973-1986) e docc. 11 (1976-1988); testi a stampa e datt. anche in inglese. Su malattie trasmesse per via sessuale, malattia mentale, disagio, psicoanalisi. Presenti manuali divulgativi per curarsi in proprio. 1973 – 1996

busta 21

“Corpo. Sessualità” Testo di Lucianna Di Lello, Sessualità e lotta di classe e comunicato del Collettivo Luna e l’altra. 1987

“Corpo. Sessualità. Violenza” Due incarti originali, 29 docc.; relazioni, resoconti, adesivi, verbali, rassegna stampa, manifesto, indagini statistiche, riviste, comunicati stampa, volantini, bibliografia e corrispondenza, anche in inglese. Lo schedone descrive 37 documenti: 16 mancano (nn. 1, 2, 5-6, 13, 18, 20, 24, 26-29, 31-33, 36) e 8 non sono compresi. Si segnalano: raccolta di firme a sostegno dell’approvazione della legge contro la violenza sessuale; comunicati stampa delle donne parlamentari e dell’Associazione italiana per la promozione delle donne d’Europa, AIPFE Italia; materiale divulgativo sul fenomeno, con questionario a cura di FISAC-CGIL; testo su episodi di violenza a Roma, a cura del Movimento di liberazione donne autonome, MLDA; atti giudiziari su un falso stupro, 1977-1999. 1970 – 1999

2 Cultura, 1970 – 1999

busta 22

“Cultura. Biografia. Women’s Studies” Due incarti originali:

a) Cataloghi, estratti, riviste, programma del corso “Women’s studies” del 1979, documenti prevalentemente in inglese;

b) Biografie di donne, a stampa e datt., anche in inglese e francese (1983-1991). 1975 – 1995

“Cultura. Informazione” Incarto originale, 10 docc. (mancano il 2 e 9); comunicati, relazioni, indagini statistiche e testo a stampa a cura del Collettivo Rai-Tv, La fabbrica del consenso, Edizioni ARCI, 1972, che affronta la questione del giornalismo femminile. 1972 – 1987

busta 23

“Cultura. Scienze” Due incarti originali: a) Due estratti di Evelyn Fox Keller e Hillary Rose, 1981. b) Documenti relativi al seminario nazionale “Scienza, potere e coscienza del limite”, organizzato dalla Sezione femminile del PCI a Roma nel 1986. 1981 – 1986

“Cultura. Scuola” Dispense per insegnanti, ricerche, testi a stampa volti alla formazione dell’insegnante (docc. 1- 10); materiale della Commissione europea sulla parità nell’educazione, 1988 (doc. 11); proposte di legge finalizzate all’insegnamento della sessualità a scuola, 1987-1988 (doc. 12); documenti del Ministero per le pari opportunità tra cui materiali per i corsi di aggiornamento per la scuola media superiore con riferimento alla Conferenza di Pechino del 1995 (docc. 13-16). 1970 – 1999

busta 24

“Cultura. Sociologia. Religione. Diritto” Tre incarti originali: a) Sociologia: indagini: riviste, 1972-1992 b) Religione: due estratti, anni ’90. c) Diritto: in particolare materiali del convegno “La donna e la Costituzione” (1988) con interventi di Bianca Bianchi, Gabriella Fanello Marcucci, Rachele Farina, Anna Maria Nucci, Paola Gaiotti De Biase, Clelia Assanti, Giancarla Codrignani. 1972 – 1992 17

3. Lavoro, 1972 – 2000

buste 25 – 27

“Lavoro. Commissione Pari opportunità” La Commissione “{xe “Presidenza del Consiglio dei ministri. Commissione nazionale per la parità e la pari opportunità tra uomo e donna” \f enti}viene istituita nel 1984 in ottemperanza alle raccomandazioni del programma di azione adottato a Copenaghen dalla II Conferenza mondiale dell’ONU, ma di fatto ha visto definiti ruoli, competenze, durata e disponibilità finanziaria con la legge n. 164 del 22 giugno 1990. Hanno ricoperto la carica di presidente: Elena Marinucci, 1985-1989; Tina Anselmi, 1989-1994; Tina Lagostena Bassi, 1994-1995; Livia Turco 1995-1996; Silvia Costa a seguire fino all’estate del 1997. Tre incarti originali:

a) Commissione nazionale per la parità: progetti su maternità, diritti e lavoro. Iniziativa che parte dalle senatrici Ersilia Salvato, Giglia Tedesco Tatò, Carla Nespolo, Rossana Rossanda, Gabriella Gherbez, e Franca Ongaro Basaglia (IX legislatura – agosto 1983). Relazione sul 3° Piano d’azione della Comunità economica europea (anni ’90) e altre proposte e attività svolte dal 1997 al 2000.

b) Documentazione in fotocopia o stampata da file. Si tratta delle proposte della Commissione della Comunità europea sul lavoro interinale, a tempo determinato, sulla sicurezza sociale, sullo sviluppo, sui fondi strutturali. Copia del Progetto New Horizon, III e IV programma d’azione. A seguire i resoconti e il programma della III Conferenza europea sulle pari opportunità uomo e donna, Roma 21-22 ottobre 1993. Testi in inglese.

c) Testi elaborati nell’ambito della costituzione di un network italiano sulle donne nei luoghi decisionali, con patrocinio e contributo della Commissione europea, organizzato dal Comune di Roma nel 1996. Testi sulle opportunità che offre in materia di lavoro e parità l’Europa e i suoi organi istituzionali. Opuscoli e materiale divulgativo (1999) su un’Europa delle donne. 1983 – 2000

busta 28

“Lavoro. Immigrate” Un incarto originale con i documenti prodotti dal Forum nazionale di Torino dedicato alle migranti, 22-24 marzo 1995. Materiali dell’incontro “Per un’Europa multietnica”, tenutosi a Roma e organizzata dall’Associazione Lunaria nel dicembre 1996. Testi, poesie e appunti (anni ’90) dell’Associazione Donne in transito. Materiali diversi sul tema salute e immigrazione e sulla presentazione in Campidoglio del disegno di legge che disciplina l’immigrazione e detta le norme sulla condizione dello straniero, 9 maggio 1997. 1995 – 1997

busta 29

“Lavoro. Imprenditoria femminile” Un incarto originale con dispense e riviste sull’argomento, uno studio (dic. 1988) sulle libere professioni a cura della Società Makno ricerca srl di Milano. Copia della «Gazzetta ufficiale» sull’imprenditoria femminile (L. 25 febbraio 1992, n. 15). Prospetti elaborati dai sindacati. Testi di proposte di legge sui crediti agevolati alle attività professionali e imprese di donne. 1988 – 1995

“Lavoro. Orario di lavoro” Un incarto originale con il programma (1992) dell’incontro del gruppo “Vanda, architette” del Politecnico di Milano sulle città al femminile. Risultati di un’inchiesta svolta nel 1978, sul lavoro part time su iniziativa dai tre sindacati confederali. Proposta di legge (1990) “Le donne cambiano i tempi” della Sezione femminile nazionale del PCI. «Bollettino sui tempi», maggio 1990, a cura dell’Area politiche femminili della Direzione nazionale del PCI. 1978 – 1992

“Lavoro. Prostituzione” Tre incarti originali:

a) Documenti sul Convegno delle donne prostitute organizzato al Parlamento europeo a Bruxelles, documentazione (agosto 1986) delle Femministe in Rivolta di Roma su “Prostituzione e Stupro”. Carta dei diritti di chi si prostituisce, approvata nel II Convegno nazionale del Comitato dei diritti civili delle prostitute svoltosi a Treviso il 16 marzo 1985.

b) Numero speciale di «ASPE» n. 5 dell’8 marzo 1989 sulla prostituzione.

c) Documenti sulla prostituzione in altri paesi europei, lettera aperta di Nicole Fontaine (set. 2000) presidente del Parlamento europeo a Romano Prodi, presidente della Commissione europea. 1985 – 2000 17. “Lavoro. Salario al lavoro domestico” Un incarto originale con volantini, testimonianze e discussioni fra i numerosi comitati per il salario al lavoro domestico, in particolare a Reggio Emilia, Ferrara, Padova e Trieste, 1972. Raccolta di scritti, volantini e una copia di «Lotta comunista» del settembre 1973. Un testo incompleto della sociologa Paola Di Nicola del 1997. 1972 – 1987 con una fotocopia del 1997

busta 30

“Lavoro. Seminari”

Tre incarti originali:

a) Materiali del “Forum Donne e Lavoro, esperienze e testimonianze” organizzato dal CDD, Centro documentazione donna di Modena. Interventi, relazioni, il numero di «Noi donne» n. 26 del 19 1978, tre cassette audio con la registrazione, 1977-1996.

b) Proposte di legge, questionari, programmi di corsi formativi, volantini, studi delle organizzazioni sindacali, 1985-1997.

c) Testi, relazioni su donne e lavoro, in particolare sul part time, sul mercato del lavoro e sulle nuove tecnologie. Relazione sulle conseguenze del mercato interno, dopo il 1992 per le donne in Europa, tematiche affrontate nella sede del Parlamento europeo. 1977 – 1996

19.”Lavoro. Situazione in Francia” Incarto originale con documenti sul lavoro femminile in Francia: in particolare un pamphlet presentato a Manchester nel marzo del 1972 in occasione del Congresso nazionale delle donne. Studio sulla vocazione scientifica e tecnica delle ragazze, iniziativa del Ministero dei diritti delle donne (ministra Yvette Roudy). Rapporto dell’ONU per l’educazione, la scienza e la cultura del dicembre 1985 su questo tema. Progetto di risoluzione del Governo italiano che contempla un programma di azione per promuovere l’uguaglianza in materia di istruzione del 1985. 1972 – 1985

4. Politica, 1969 – 2001

busta 31

“Politica. Associazionismo” Cinque incarti originali: a) Comunicati e rassegna stampa di alcuni comitati di donne contro la mafia, in particolare il Comitato di Reggio Calabria, di Napoli e della Sicilia, 1983-1985 b) Testi di presentazione di alcune associazioni: Filo di Arianna, Emily in Italia, Telefono viola, IMed – Istituto per il Mediterraneo, ADONAI (Associazione Donne organizzate nell’arte internazionale), Antigone (diritto e giustizia), ARCI-Donna con in allegato il progetto Biennale delle donne (musica, teatro, arte), 1984-1990 . c) Dépliant e programmi delle associazioni: Alternativa donna, Spazio donna, Centro studi Elsa Bergamaschi, UDI, Centro documentazione donna di Lecce, Presenza donna, componente femminile della DC, Cooperativa La casa matta, Casa Balena Scuola internazionale di donne, Manualità – cultura e arte della vita, Casa delle donne di Torino, Movimento italiano casalinghe, Associazione Donne La Rosa di Città della Pieve. A stampa: «Firenze La sera», 20 aprile 1983; «Agendonna», contenente un elenco di associazioni di donne italiane e estere. Si segnala: Dieci, cento, mille piccole femministe a cura di Roberta Tatafiore (mappa dei luoghi delle donne), 1984-2000. d) Statuto e breve storia dell’Associazione ONDA (Organizzazione nazionale donne autonome) verbali delle sedute, rassegna stampa, relazioni e programmi, 1987-1996 e) Dépliant e testi sulla Gifty economy (economia del dono) di Genevieve Vaughan, femminista e pacifista americana. Intervento di Rita Levi-Montalcini in occasione della WIN Women’s Internationale Network, Roma, febbraio 1995. 1984 – 2000

busta 32

“Politica. Associazionismo. CAUCUS” Il Caucus nazionale delle donne è una rete che promuove l’incontro periodico di donne che operano nella società civile, che lavorano in ONG, che fanno parte di associazioni, comitati e istituzioni. Tre incarti originali:

a) Dépliant, brochure, ritaglio di stampa, sulle iniziative del Caucus nazionale delle donne e del Comitato romano, 1995-2000.

b) Assemblea del 23 giugno 2000, documenti relativi a “Women 2000”, all’interno della European Women’s Lobby italiana, 2000.

c) Corrispondenza, relazioni e materiale preparatorio per la partecipazione della delegazione italiana ai lavori della Commissione sullo stato delle donne (CSW) a New York nella primavera del 2000, docc. in inglese e francese, 2000. 1995 – 2000

“Politica. Commissioni femminili” Cinque incarti originali: a) Documenti sulla istituzione della Consulta femminile regionale, istituita nel Lazio con Legge regionale 25 novembre 1976. b) Documento di analisi sul funzionamento di istituzioni operanti in materia di problematiche femminili in Italia, in particolare nelle regioni centro-meridionali, a cura della CGIL, anni ’80. c) Network Eurodonne in Italia: elenco delle istituzioni europee che si occupano di donne, marzo 1993. d) Relazioni, testi e introduzione alla mostra “Con forza e intelligenza” sul movimento femminile in Italia dal 1900 al 1946 a cura di Aida Ribero, allestita nell’ambito del Salone del libro di Torino, 1994. e) Relazione di Daniela Monteforte, consigliera delegata per le Politiche delle pari opportunità del Comune di Roma, 1997. 1993 – 1998

busta 33

“Politica. Condizione della donna. Emancipazionismo” Tre incarti originali:

a) Sul movimento emancipazionista: Marisa Passigli, “L’elaborazione del PSI sulla questione femminile dopo la liberazione, 1945-1972”, relazione presentata al seminario di studi “Aspetti dei problemi attuali delle questioni femminili” nel gennaio 1974. Maria Weber, La partecipazione politica femminile in Italia: evoluzione, determinanti, caratteristiche, in «Rivista italiana di scienza Politica», agosto 1982; testo in bozza di Isabella Guacci, “Il diritto di voto e la Costituzione della Repubblica. Le donne unite nella lotta antifascista”.

b) Documenti di denuncia sulle condizione della donna in Kurdistan, Afganistan, Algeria, Israele, Turkmenistan e Marocco. Un testo sulla conferenza di Pechino del 1995, 1975-1998.

c) Interventi alla conferenza “Cittadine”, Siena, maggio 1994, di Teresa Bruneri, Paola Del Vec- 21 chio, Ebe Quintavalle, Rosa Franzelin, Marisa Guarneri e Maria Angela Molinari, 1994. 1975 – 1998

“Politica. Diritti civili e legislazione” Due incarti originali:

a) Legislazione: atti parlamentari e bozze sui temi: unione affettiva, maternità, asili nido, congedi parentali, sterilizzazione, inseminazione artificiale, prostituzione, famiglia, droga e scelta del cognome, 1982-1998.

b) Diritti civili: appelli, manifesti, atti parlamentari a sostegno dell’estradizione di Silvia Baraldini condannata per associazione sovversiva negli USA. Si segnalano: note biografiche e un librodossier Per Silvia Baraldini, maggio 1993 e il primo numero di «Dietro le sbarre l’azzurro», 8 febbraio 1997. Silvia Baraldini è stata poi scarcerata nel 2006 per effetto dell’indulto, 1993-1997. 1982 – 1998

busta 34

“Politica. Donne parlamentari” Un incarto originale con dati statistici sulla presenza delle donne nelle istituzioni. (1987-1990) elaborati dalla Commissioni parità nazionale insieme alla Regione Toscana. Testo della senatrice Maria Pia Dal Canton sul tema della rappresentanza. Testi della conferenza stampa delle deputate e senatrici progressiste del giugno 1994. Testi, relazioni e ritagli di stampa in occasione della presentazione a Roma di Emily in Italia, l’associazione che sostiene le donne che vogliono fare politica, del 24 ottobre 1998. 1990 – 1998

“Politica. Femminismo. 8 marzo” Quattro incarti originali con volantini, testimonianze, pubblicità per l’ 8 marzo:

a) Riflessioni sull’8 marzo, si segnala un testo datt. di Alma Sabatini che ripercorre storia e significato di questa data, anni ’70.

b) Volantini e programmi. A stampa 8 marzo 1974 a cura del Collettivo internazionale femminista, Marsilio editore, giugno 1975.

c) Testo del Centro di documentazione studi femministi del Movimento femminista romano, marzo 1981, opuscolo La carta rosa del Lazio, preparato per l’8 marzo 1984 e due numeri speciali de «Il Paese delle donne», sull’8 marzo del 1988.

d) Convocazioni, volantini e programmi per le manifestazioni del 1990 e del 1991. Manifesti e volantini a sostegno delle donne in Algeria del 1997. Un piccolo dossier sulle iniziative a Garbatella (Roma) e programma di un’iniziativa a sostegno delle donne di Kabul, 1998. 1975 – 2001

busta 35

“Politica. Femminismo. Collettivi” Quattro incarti original

a) Gruppo Rivolta femminile: manifesto e volantini (1970), opuscolo con un resoconto sull’incontro al Teatro centrale di Roma del febbraio 1971.

b) Collettivo Lotta femminista: volantini stampati in ciclostile, relazioni e testi. Si segnala un articolo di Elena Bertonelli (29 aprile 1974); comunicato di Lotta femminista di Modena, marzo 1973; relazione di Louise Michel e Cassandra Southwick sul convegno di Londra (aprile 1973), tradotto e diffuso da Lotta femminista di Padova, promotrice anche della bozza di discussione per il salario alle casalinghe e sulle donne all’università (1973). Volantino “Adesso basta!” del Collettivo di lotta femminista di Gela.

c) Volantini e ciclostilati (1973-1975) prodotti da: Alternativa femminista di Torino; Collettivo femminista comunista di Roma, Movimento proletario di lotte femminile di Firenze, Le nemesiache di Napoli e Comitato femminista per la giustizia.

d) Volantini e ciclostilati (1978) prodotti da: Gruppo femminista autonomo di Parma, Lega socialista rivoluzionaria di Roma, Femministe di Trento, Commissione donne e cultura del Collettivo femminista comunista romano. Inserto con documenti non elencati nello schedone: «Bollettino» del Collettivo di Lotta femminista (maggio 1972 e del giugno 1972); «Bollettino» n. 2 del Movimento femminista romano di Pompeo Magno (dicembre 1973) «Bollettino» del Movimento femminista romano di via Pompeo Magno, aprile 1975 con elenco di temi in discussione. «MLD Movimento di liberazione della donna», periodico, dicembre 1976 (3 copie). «… e siamo in tante..» periodico del Movimento femminista romano, dicembre 1977 (3 copie). «Lilith», supplemento al numero di «MLD», gennaio 1978. 1970 – 1978

busta 36

“Politica. Femminismo in Italia” Sei incarti originali:

a) Documentazione del Convegno “La ricerca delle donne. Studi femministi in Italia”, svoltosi a Modena nel marzo 1987. Convocazioni di manifestazioni, testi, volantini, in particolare per quella nazionale delle donne del 3 giugno 1995 “La prima parola e l’ultima” a Roma.

b) Manifestazioni e autoconvocazioni di incontri, in particolare a Perugia (1997); dossier sulle donne vittime dell’acido; lettera aperta alla scrittrice Luisa Muraro di Lidia Menapace.

c) Selezione di articoli di giornale sul femminismo in Italia.

d) Interventi e relazioni di Teresa De Laurentis, di Rosy Braidotti, dell’ARCI Donna di Bari e di Roberta Tatafiore, 1990-1996.

e) Volantini, appelli e programmi, 1990-1999

f) Seminario “Trasmissione e tradizione delle donne”, a cura della Società italiana delle storiche (1991) con gli interventi di Emma Baeri, Graziella Bonansea , Maria Teresa Sega, Maria Bacchi, Anna Nadotti, Nadia Baieri e Vanna Costanziani.

g) Pubblicazione Percorsi del femminismo milanese a confronto, a cura della Commissione consultiva sui temi della donna della Provincia di Milano, gennaio 1995. 1985 – 1999

busta 37

“Politica. Femminismo. Movimento di liberazione della donna” Sei incarti originali:

a) Volantini, manifesti, adesivi e slogan per le manifestazioni, 1969-1975.

b) Pubblicazioni in proprio, 1970.

c) Trascrizione della registrazione dell’Assemblea del 16 febbraio 1972, altri interventi tra cui quello di Liliana Merlini, 1970-1972.

d) Volantini e manifesti su aborto, divorzio e violenza, 1971-1975.

e) Congressi: dal I Congresso al Teatro centrale di Roma (febbraio 1971) al V Congresso (1978). Resoconti datt. documenti a stampa, programmi, 1971-1978.

f) Materiali sulle origini della liberazione, relazioni, volantini e manifesti, ritagli di stampa. Documento datt. poco leggibile con un riepilogo delle tappe salienti del movimento dal 1976 al 1983.

g) Due copie della pubblicazione Via del Governo vecchio, 39 un anno di occupazione, a cura di Marina Rodano Pivetta e Valeria Papetti, 1977. 1969 – 1983

busta 38

30 “Politica. Guerra” Quattro incarti originali:

a) Guerra del Golfo, volantini, appelli, riflessioni. Guerra in Kuwait: appelli per la pace delle seguenti associazioni: Coordinamento femminile FISAC/CGIL, Comunità cristiana di base di San Paolo, UDI La goccia. Proposta di legge di iniziativa popolare per la riconversione dell’industria bellica. Relazione di Chiara Ingrao al convegno di Roma: “Smilitarizziamo la difesa della Patria” (1987).

b) Guerra in Bosnia e Croazia: documenti dell’Associazione Donne in nero, nata per la solidarietà femminile contro la guerra. Volantini appelli, iniziative e tre numeri di «Newsletter», notiziario per gli sfollati provenienti dai territori della ex Jugoslavia, 234, in inglese, 1995. Ex Jugoslavia: bozza dell’Atto costitutivo dell’Associazione delle donne vittime di guerra. Comunicati, ritagli stampa, appelli, programmi di iniziative e manifestazioni, anche in francese e inglese. Raccolta firme del Centro documentazione Alma Sabatini e dell’Associazione UDI-la goccia, 1993-1997.

c) Guerra in Afghanistan: appelli, comunicati, ritagli di stampa, si segnala in particolare l’intervento della ministra Anna Finocchiaro sull’argomento, 1996.

d) Guerra del Kosovo: appelli, comunicati, volantini, ritagli di stampa, circolari. Raccolta stampa dell’Associazione Donne in nero. Si segnala la presenza di un modulo di raccolta firme per la modifica del codice di famiglia algerino (1998), 1998-1999. 1987 – 1999

“Politica. Militarismo. Nazismo” Due incarti originali:

a) Militarismo: documentazione sul servizio militare delle donne, parere della Commissione nazionale per la parità e la pari opportunità tra uomo e donna, 1984-1987

b) Nazismo: atti del dibattito “Nazismo, irrazionalismo, revisionismo nella vicenda europea” tenutosi a Roma il 10 maggio 1997. 1984 – 1997

busta 39

“Politica. Pace” Nove incarti originali:

a) Testi, volantini e dépliant sul pacifismo in inglese e francese, 1976-1984.

b) Cartoline de “La Ragnatela” campo di donne per la pace, Comiso (Ragusa), testi, comunicati stampa, manifesto sul processo a dodici donne a Ragusa per il blocco dei lavori alla base di Comiso, 1983-1985.

c) Riflessioni e proposte del Seminario delle donne a Santa Severa (Roma), maggio 1984.

d) “Un futuro senza nucleare? Si grazie. La parola alle donne”: testi, ritaglio di stampa sull’iniziativa promossa dal Coordinamento donne del movimento verde, 1984.

e) Relazioni e testi, in particolare relazione di Chiara Ingrao per il Coordinamento donne “fuori la guerra dalla storia”, presentata al convegno “Smilitarizziamo la Difesa della Patria”. Altre relazioni sul tema di Maria Luisa Boccia, Antonia Carosello, Antonella Mortarelli, Giancarla Codrignani, 1984-1987.

f) Volantini, slogan per le manifestazioni, testo con atto di accusa nei confronti delle violenze alle donne in paesi in guerra, a cura di Armida Cotronei e Elvira Banotti; un volantino del Partito marxista-leninista italiano, documenti della Commissione per il lavoro femminile contro il Governo Craxi del 1984, 1984-1994.

g) Materiale a stampa sulla marcia della pace (Perugia-Assisi) del settembre 1995, Presenti anche due volantini della marcia del 6 ottobre 1985, 1985-1995

h) Volantini di alcune associazioni per la pace, tra queste Associazione Donne per la pace, con documenti a firma di Luisa Morgantini e dell’Associazione Donne in nero, 1985-1995.

i) Obiezione fiscale, campagna nazionale non violenta: guida pratica, testi, minuta della lettera inviata a Giulio Andreotti (19 settembre 1986), raccolta di firme a sostegno di norme finalizzate alla riconversione dell’industria bellica, 1986-1996. 1976 – 1996

busta 40

“Politica. Potere e rappresentanza” Cinque incarti originali:

a) Raccolta di documentazione su istituzioni, rappresentanza e potere delle donne, in particolare una bibliografia sul tema, a cura della biblioteca del Consiglio regionale della Toscana (1998). Dati statistici e rassegna stampa, 1976-1998.

b) Articoli, interventi, relazioni, note (1986-1994). Interventi di Luisa Mancini, Chiara Valentini, Livia Turco, Gloria Buffo e Franca Chiaromonte; sommario della rivista francese «Pouvoirs», s.d., rilevazioni statistiche s.d., breve presentazione del Partito delle donne, 1986, dati di una ricerca statistica su donne e potere del 1992, elenco di donne parlamentari del 1994, relazione (mutila) per il convegno di Senigallia “Quando lo Stato è donna”, 1994, comunicato di un gruppo di donne del PDS, settembre 1994.

c) Documenti relativi al seminario “La cittadinanza vissuta. Politica delle donne nelle pratiche” a cura del Centro donna del Comune di Venezia, 1994-1996.

d) Programma della candidata a sindaco di Rovereto, Donata Loss e ritagli di stampa, 1996.

e) Atti della Camera dei deputati sulle modifiche della Costituzione per la parità all’accesso alle cariche elettive, 1999-2000. 1976 – 2000

busta 41

“Politica. ONU” Incarto originale, docc. 6 (ma 9 sullo schedone), in inglese e francese, sulle Conferenze sui diritti delle donne tenute a Vienna (1993) e Roma (1994), e sui vertici mondiali dello sviluppo sociale a Copenaghen (1995) e Roma (1998). Testo sulla IV Conferenza dell’ONU a cura del Coordinamento ONG Donne e sviluppo. 1993 – 1998

buste 42 – 43

“Politica. ONU. IV Conferenza mondiale sulle donne a Pechino”” Materiale raccolto in occasione della IV Conferenza delle Nazioni Unite per la donna e del Forum non governativo delle associazioni dal 4 al 15 settembre 1995 a Pechino. Sette incarti originali:

a) Relazioni, testi, programmi, materiale a stampa preparatorio alla partecipazione della delegazione italiana a Pechino. I documenti sono stati raccolti in occasione dell’incontro “Andiamoci insieme” tenuto presso la sala Borromini a Roma il 16 giugno 1995.

b) Materiale informativo sulla legislazione della Repubblica popolare cinese, dépliant illustrativi sulla condizione della donna in questo paese, 1992- 1995.

c) Brochure, mappe, volantini, dépliant, programmi, moduli per le iscrizioni, inerenti all’organizzazione della Conferenza mondiale sulle donne a Pechino, 1995.

d) Volantini e programmi delle organizzazioni non governative e delle associazioni presenti alla Conferenza, 1995.

e) Dépliant e gadget delle associazioni presenti alla Conferenza, 1995.

f) Raccolta di riviste internazionali in occasione della Conferenza, 1993-1995

g) Relazioni e resoconti non pubblicati negli atti della Conferenza, 1995.

h) Dossier con le conclusioni della Conferenza, a cura del Servizio studi della Camera dei deputati, XII Legislatura, ottobre 1995. Si segnala un testo con la piattaforma d’azione articolata in dodici aree critiche: povertà, responsabilità delle istituzioni finanziarie, diritti riproduttivi e sessuali, diritti umani delle donne, violenza contro le donne, conflitti, le donne di domani sono le bambine di oggi, questioni finanziarie ed istituzionali, 1995-1998. 1992 – 1998

5. Riproduzione, 1967 – 1999

busta 43

“Riproduzione artificiale” Tre incarti originali:

a) Normativa in materia prodotta dalla Commissione XII (Affari sociali) della Camera dei deputati, 19 giugno 1997, testi e materiali preparatori, 1986-1997.

b) Raccolta di testi sulla procreazione assistita, sull’autodeterminazione e sulla bioetica, 12 pezzi, 1995-1999.

c) Resoconto dell’incontro su donne e bioetica, organizzato dal Forum delle donne della Direzione nazionale di Rifondazione comunista a Roma nel maggio del 1997. 1986 – 1999

busta 44

“Riproduzione. Consultori e contraccezione” Due incarti originali:

a) Contraccezione: raccolta di testi sulla contraccezione e liberazione della donna. Dattiloscritto di Elena Gianini Belotti, Manuale di autocura a cura di un gruppo di donne di Milano, pubblicato da «Stampa alternativa» di Roma nel 1974, volantino con informazioni sugli anticoncezionali, fra gli altri del Gruppo femminista per una medicina della donna, s.d. [ma anni ’70]. Materiale informativo anche del Movimento femminista romano. Articoli in inglese e francese sullo stesso tema, 25 pezzi, 1971-1981

b) Consultori: raccolta di testi a cura del Centro di documentazione sulla salute della donna Simonetta Tosi. Un testo biografico su Simonetta Tosi, corrispondenza, relazioni, programmi di convegni, 1976-1990 1971 – 1990 38. “Riproduzione. Controllo nascite” Incarto originale con due dispense in francese sui metodi contraccettivi con timbro della Repubblica togolese, 1970. Opuscoli dell’AIED (Associazione italiana educazione demografica) e dell’AED (Associazione per l’educazione demografica) di Firenze, 1974; si conserva anche una copia datt. dello statuto dell’AIED, s.d. 1970 – 1974

busta 45

“Riproduzione. Famiglia e divorzio” Due incarti originali:

a) Famiglia: due testi del Movimento femminista collettivo di studi giuridici a proposito del diritto di famiglia, Roma 1974; testi di Chiara Saraceno, Luigina Zepponi e Paola Negro, 1974- 1980.

b) Divorzio: testo finale proposto alla Commissione giustizia dal Comitato ristretto sul divorzio, 1986, rassegna stampa, prese di posizione dell’UDI, 1974, volantini, relazione di Loris Fortuna al I Congresso nazionale 1967 della LID (Lega italiana per l’istituzione del divorzio) , 1967-1986 1967 – 1986

“Riproduzione. Maternità” Incarto originale con la raccolta di estratti da varie riviste, relazioni, testi giuridici sull’argomento. I 21 documenti sono conservati in due fascicoli (1-13 e 14-21). Si segnala un testo di Luciana Viviani per il Convegno nazionale “Il tempo della maternità” organizzato dalle donne del PDS nel gennaio del 1992. 1972 – 1992

busta 46

“Riproduzione. Tecnologie riproduttive” Incarto originale con materiali a stampa, resoconto del Forum di Montreal del 1987 sull’argomento visto dalle donne, volantini, materiale informativo in inglese. Si segnala un appello per la costituzione del GAB, Gruppo di attenzione sulle biotecnologie, con la richiesta di adesione. 1986 – 1989

6. Violenza sessuale, 1987 – 1999

busta 46

“Violenza. AssoLei” Raccolta di materiali da parte dell’Associazione che si è occupata di promuovere la cultura della solidarietà, lo sviluppo e la tutela della persona. Comunicati, ritagli stampa, programmi e testi giuridici. Docc. 6 (ma 7 sullo schedone, manca il n. 1). 1999

“Violenza. Differenza donna” Incarto originale (docc. 17, ma 15 sullo schedone) con materiale informativo dell’Associazione che dal 1989 si occupa di assistere legalmente e di accogliere le donne vittime di violenza. Si segnala una cartellina con i materiali di un seminario di studi tenuto a Roma nel novembre 2000 in occasione del Giubileo, promosso dalla Provincia di Roma. 1990 – 1997

busta 47

“Violenza. Legislazione” Incarto originale con raccolta di materiale inerente la proposta di legge contro la violenza sulle donne del 1987. Testi sull’argomento a stampa (due numeri de «Il Paese delle donne» del gennaio 1996), atti parlamentari sulle norma per la tutela della dignità e libertà della persona che lavora, le molestie sul luogo di lavoro, 1996. 1987 – 1996

“Violenza. Telefono rosa” Incarto originale con materiali dell’Associazione nata nel 1988 con lo scopo di far emergere la violenza “sommersa” di cui non si trova traccia nei verbali sanitari o delle forze dell’ordine. Programmi di seminari e di incontri. Si segnala uno studio statistico di Telefono rosa sui tipi di violenza subita condotto in Italia nel 1995. 1995 – 1998

7. Lilith, 1990 – 1999

La Rete Lilith nasce all’inizio degli anni Ottanta per iniziativa dei centri di documentazione, archivi e biblioteche delle donne presenti sul territorio nazionale per raccogliere, diffondere e valorizzare la documentazione e la informazione sulla memoria, la politica, la cultura e la ricerca delle donne.

busta 47

46 Lilith. Guida e thesaurus Guida per la catalogazione a cura di Piera Codognotto, Eugenia Galateri e Tiziana Marchi del 1990; appunti di un corso di formazione. Dispensa con la Proposta per il thesaurus di rete, frutto del lavoro delle indicizzatrici riunite a Ferrara nel 1994. Manuale a cura di Mariella Camerci; Norme per l’inserimento di liste controllate, Ferrara 1996 a cura di Piera Codognotto. Elenco dei centri Lilith italiani. Stampa del catalogo del posseduto (inizi anni ’90). 1990 – 1995

busta 48

47 Lilith. Materiale divulgativo Documentazione diversa sulla Rete: corrispondenza con i centri aderenti, catalogo delle tesi di laurea raccolte presso la Biblioteca della donna Melusine a L’Aquila, aggiornata al maggio 1994 Indirizzari di biblioteche, copia della lettera di Anna Finocchiaro, ministra per le pari opportunità (maggio 1997) interessata all’iniziativa. Due numeri della rivista «Reginale», rispettivamente del novembre 1993 e del marzo 1994. Copia del «Bollettino del CLI» dell’ottobre 1985. Manca lo schedone. 1993 – 1997

48 Lilith. Verbali Verbali e resoconti sulle riunioni dei Centri Lilith, prospetti di costi inerenti alla rete, due brochure realizzata in occasione dell’incontro “Carte e Byte” a Roma nel giugno 1999. 1995 – 1999

INDICE DEI NOMI DI PERSONA

Andreotti Giulio, 25
Anselmi Tina, 18
Assanti Clelia, 17
Bacchi Maria, 23
Baeri Emma, 23
Baieri Nadia, 23
Banotti Elvira, 25
Baraldini Silvia, 22
Bertonelli Elena, 23
Bianchi Bianca, 17
Billi Edda, 4, 7, 8, 14
Boccia Maria Luisa, 25
Bonansea Graziella, 23
Bonino Emma, 8
Braidotti Rosy, 23
Braun Roberto, 4
Bruneri Teresa, 22
Buffo Gloria, 25
Carnevali Giovanna, 7
Carosello Antonia, 25
Chiaromonte Franca, 25
Chiurlotto Vania, 3, 14
Codognotto Piera, 29
Codrignani Giancarla, 17, 25
Costa Silvia, 18
Costanziani Vanna, 23
Cotronei Armida, 25
Craxi Bettino, 25
D’Elia Vincenza, 5
Dal Canton Maria Pia, 22
De Laurentis Teresa, 23
Del Vecchio Paola, 22
Di Lello Lucianna, 16
Di Nicola Paola, 19
Fanello Marcucci Gabriella, 17
Farina Rachele, 17
Finocchiaro Anna, 24, 30
Fontaine Nicole, 19
Fortuna Loris, 28
Fox Keller Evelyn, 17
Franzelin Rosa, 22
Gaiotti De Biase Paola, 17
Galateri Eugenia, 29
Gelli Luciana, 7
Gherbez Gabriella, 18
Gianfelici Gabriella, 5, 6
Gianini Belotti Elena, 27
Graverini Maria Vittoria, 7
Guacci Isabella, 21
Guarneri Marisa, 22
Ingrao Chiara, 24, 25
Lagostena Bassi Tina, 18
Laurelli Luisa, 8
Levi-Montalcini Rita, 20
Loss Donata, 26
Macrelli Caterina, 7
Mancini Luisa, 25
Marchi Tiziana, 29
Maria Angela Molinari, 22
Mariani Marcella, 7
Mariella Camerci, 29
Marinucci Elena, 18
Melandri Lea, 14
Menapace Lidia, 23
Merlini Liliana, 24
Michel Louise, 23
Monteforte Daniela, 21
Morgantini Luisa, 25
Mortarelli Antonella, 25
Muraro Luisa, 23
Musci Leonardo, 6
Nadotti Anna, 23
Negro Paola, 27
Nespolo Carla, 18
Nisticò Gabriella, 6
Nucci Anna Maria, 17
Olivieri Giovanna, 6
Ongaro Basaglia Franca, 18
Papetti Valeria, 24
Parlato Valentino, 14
Passigli Marisa, 21
Pierre Luois Gabriella, 6
Pitch Tamar, 14
Pozzi Moana, 12
Principe Lucia, 8
Prodi Romano, 19
Quintavalle Ebe, 22
Ribero Aida, 21
Rodano Pivetta Marina, 24
Rose Hillary, 17
Rossanda Rossana, 13, 18
Roudy Yvette, 20
Russo Maria Antonia, 7
Sabatini Alma, 3, 4, 8, 22
Salvato Ersilia, 18
Saraceno Chiara, 27
Sayit Semin, 7
Sega Maria Teresa, 23
Silla Silvana, 7
Southwick Cassandra, 23
Spinelli Simonetta, 7
Staller Ilona, 12
Tatafiore Roberta, 23
Tedesco Tatò Giglia, 18
Tosti-Croce Mauro, 6
Travers Julienne, 14
Turco Livia, 18, 25
Valentini Chiara, 25
Vaughan Genevieve, 20
Weber Maria, 21
Zepponi Luigina, 27

INDICE DEI NOMI DI ENTI

Alternativa femminista, Torino, 22
ARCI Donna, 19
ARCI Donna, Bari, 22
Associazione Alternativa donna, 19
Associazione Antigone, 19
Associazione AssoLei, 27
Associazione delle donne vittime di guerra, 23
Associazione Differenza donna, 27
Associazione Donne “La Rosa”, 19
Associazione Donne in nero, 23, 24
Associazione Donne in transito, 17
Associazione Donne organizzate nell’arte internazionale – ADONAI, 19
Associazione Donne per la pace, 24
Associazione Emily in Italia, 19, 21
Associazione federativa femminista internazionale – AFFI, 7
Associazione Il filo di Arianna, 19
Associazione italiana educazione demografica – AIED, 26
Associazione italiana per la promozione delle donne d’Europa – AIPFE Italia, 15
Associazione Lunaria, 17
Associazione per l’educazione demografica – AED, 26
Associazione Presenza donna, 19
Associazione Spazio donna, 19
Associazione Telefono rosa, 28
Associazione Telefono viola, 19
Biblioteca della donna Melusine, L’Aquila, 28
Camera dei deputati, 25
Camera dei deputati. Commissione XII (Affari sociali), 26
Casa Balena. Scuola internazionale di donne, 19
Casa delle donne di Torino, 19
Casa internazionale delle donne, 3
Caucus nazionale delle donne, 20
Caucus nazionale delle donne. Comitato romano, 20
Centro di documentazione sulla salute della donna Simonetta Tosi, 26
Centro documentazione donna di Modena, 18
Centro documentazione donna, Lecce, 19
Collegamento lesbiche italiane, 15
Collettivo femminista comunista, Roma, 22
Collettivo femminista di via Pompeo Magno, 3
Collettivo internazionale femminista, 21
Collettivo Le nemesiache, Napoli, 22
Collettivo Lotta femminista, 21
Collettivo Lotta femminista, Gela, 22
Collettivo Lotta femminista, Modena, 22
Collettivo Lotta femminista, Padova, 22
Collettivo Luna e l’altra, 15
Comitato dei diritti civili delle prostitute, 18
Comitato femminista per la giustizia, 22
Commissariato di pubblica sicurezza di Borgo Pio, 6
Commissione europea, 16, 17, 18
Comune di Imola, 14
Comune di Milano, 7
Comune di Roma, 7, 17, 20
Comune di Roma. Assessorato alla cultura, 7
Comune di Venezia, Centro donna, 24
Comunità cristiana di base di San Paolo, 23
Comunità europea. Commissione sul lavoro interinale, 17
Confederazione generale italiana del lavoro – CGIL, 20
Consulta femminile regionale del Lazio, 20
Cooperativa “La casa matta”, 19
Coordinamento donne del movimento verde, 24
Coordinamento femminile FISAC/CGIL, 23
Coordinamento ONG Donne e sviluppo, 25
Democrazia cristiana, 19
European Women’s Lobby italiana, 20
Femministe in Rivolta, 18
FISAC CGIL – Federazione italiana sindacato assicurazioni credito, 15
Fondazione Istituto Antonio Gramsci, 13
Francia. Ministero dei diritti delle donne, 19
Gruppo di attenzione sulle biotecnologie – GAB, 27
Gruppo femminista autonomo, Parma, 22
Gruppo femminista per una medicina della donna, 26
Gruppo Rivolta femminile, 21
Istituto per il Mediterraneo – IMED, 19
Lega italiana per l’istituzione del divorzio – LID, 27
Lega socialista rivoluzionaria, Roma, 22
Lilith, 28, 29
Ministero per le pari opportunità, 7, 16
Movimento di liberazione della donna – MLD, 2, 3, 22
Movimento di liberazione donne autonome – MLDA, 15
Movimento femminista romano, 21, 22, 26
Movimento italiano casalinghe, 19
Movimento proletario di lotte femminile, Firenze, 22
Organizzazione delle nazioni unite – ONU, 17, 19, 25
Parlamento europeo, 18, 19
Partito comunista italiano. Direzione nazionale, 18
Partito comunista italiano. Sezione femminile nazionale, 16, 18
Partito democratico della sinistra – PDS, 24, 27
Partito marxista-leninista italiano, 24
Partito radicale, 2
Partito socialista italiano, 20
Politecnico di Milano, 18
Presidenza del Consiglio dei ministri. Commissione nazionale per la parità e la pari opportunità tra uomo e donna, 3, 17, 21, 23
Provincia di Milano, 22
Provincia di Roma, 27
Regione Lazio. Consiglio regionale, 7
Regione Toscana, 21
Regione Toscana. Consiglio regionale, 24
Rifondazione comunista. Forum delle donne della Direzione nazionale, 26
Società italiana delle storiche, 22
Società Makno ricerca, 18
Soprintendenza archivistica per il Lazio, 4, 7
Unione donne in Italia – UDI, 12, 27
Unione donne in Italia – UDI. Centro studi Elsa Bergamaschi, 19
Unione donne in Italia – UDI. Circolo La goccia, 23
Università di Roma La Sapienza, 2

RICERCA

Parola da ricercare